1861-2011: 150 anni d'Italia
1861-2011: 150 anni d'Italia
  • Teatro Magnani e Municipio
  • Municipio (interno) e Ponte Romano
  • Bassorilievo del Duomo e Cortile ex convento Orsoline

12 MESI DI CRESCITA PER L'ECONOMIA DI FIDENZA. NUOVE AZIENDE, NUOVI AMPLIAMENTI E NUOVI OCCUPATI

images-2012-img_2685 rid-300x225.jpg

Inaugurato oggi il centesimo ristorante Roadhouse.

Il Sindaco Massari: “In tutto il territorio si investe su agroalimentare, manifattura e commercio.

Solo nella zona del casello creati 245 posti di lavoro”

Il Vicesindaco Castellani: “Permessi di costruire rilasciati con una media di 30 giorni”

Il Presidente Tosi: “Forte capacità di innovazione delle nostre aziende”



Fidenza, 9 maggio 2017 – “Negli ultimi 12 mesi sul territorio di Fidenza, guardando solo alle imprese più rilevanti, sono stati rilasciati 7 permessi di costruire e ne sono in dirittura d’arrivo altrettanti. Vale a dire 9 nuove aziende autorizzate e 10 ampliamenti, 245 posti di lavoro generati nell’area del casello autostradale e il turbo ai tempi delle pratiche, senza nulla togliere alle attività di verifica. Un dinamismo che ha fatto dire a molte imprese di aver incontrato a Fidenza un Ente pubblico che dovrebbe essere preso a modello”.

Il Sindaco di Fidenza, Andrea Massari, commenta così i dati relativi all’andamento dell’economia locale, proprio nel giorno dell’inaugurazione di una nuova attività commerciale nella zona del casello, il centesimo ristorante Roadhouse aperto dal gruppo Cremonini, che darà lavoro a circa 40 persone.

Se c’è un campo in cui un Comune può costruire dal basso riforme e azioni vere è quello del sostegno all’economia e all’occupazione – prosegue il Sindaco –. Lo abbiamo dimostrato cancellando dai nostri appalti la forma barbara del massimo ribasso e inserendo le clausole sociali. Lo dimostriamo ogni giorno, tutto l’anno, seguendo con puntualità le richieste delle imprese che vogliono investire per ampliarsi o per realizzare una nuova attività. Ogni azienda che investe, ogni nuovo posto di lavoro generato, sono conquiste enormi di cui tutti possiamo andare orgogliosi e per agevolare le quali questa Amministrazione si impegna senza sosta, tutti i giorni, tutto l’anno.

Il risultato è che in un momento in cui la crisi morde ancora ovunque, Fidenza continua a crescere esercitando un’attrattività forte e diffusa in modo omogeneo su tutto il territorio, “con attività che vanno dal manifatturiero 4.0 all’agroalimentare passando per il settore commerciale. L’apertura del Roadhouse è uno spaccato di questa frontiera delle opportunità Made in Fidenza, ben presenti anche nel comparto autostradale, reso strategico per la sua logistica viaria e dalle azioni che si sono concentrate. Dopo lo sblocco dell’area del Villaggio del Gusto acquisita dal fallimento della società Polis, operazione concretizzatasi grazie alla capacità manageriale e alla lungimiranza di un imprenditore fidentino, c’è stata l’approvazione in tempi certi e la riattivazione dell’attuazione del comparto urbanistico nel quale in rapida successione si sono attivati più cantieri per nuove strutture o per l’ampliamento e il miglioramento di quelle esistenti



I NUMERI

Dalla seconda metà del 2016 ad oggi sono stati 245 i nuovi assunti nel comparto del casello autostradale. Il Fidenza Village ha raggiunto complessivamente 800 dipendenti nei negozi e 65 negli uffici. La terza fase di ampliamento del villaggio nel 2016 ha visto l’assunzione di non meno di 155 nuove persone da parte del gestore Vr Milan e dei singoli negozi. A settembre aprirà il nuovo albergo The Cube, che necessiterà di altri 15 posti di lavoro.

E alle porte di Fidenza la vocazione agroalimentare del territorio è stata esplorata e amplificata da molteplici attività: 35 nuove assunzioni al Km90, le circa 40 assunzioni al Roadhouse. Oppure: la trasformazione e la nuova gestione di Atto Primo, la ristrutturazione di Agribar con il rinnovo dei locali, la nuova gestione di Autobar con il progetto di espansione e implementazione dell'attività stanno contribuendo a questo risultato cui si aggiungono anche attività non legate al food e collocate negli altri insediamenti già attivi.



L’ANALISI

Il vicesindaco con delega all’Urbanistica, Giancarlo Castellani, spiega che “il Comune ha fatto da stimolo a questo dinamismo col massimo sforzo per dare risposte tecniche ed amministrative complete ed in tempi adeguati. Con gli accordi urbanistici abbiamo gestito in un’unica fase la valutazione di tutti gli aspetti tecnici, determinando nel caso del maxi progetto Villaggio del Gusto un tempo di soli 30 giorni per chiudere la pratica, al netto dei due mesi obbligatori per legge per eventuali osservazioni. Più in generale, permessi di costruire sono stati rilasciati con un tempo medio di 30 giorni ed in alcuni casi entro 15 giorni dalla richiesta”.



Anche il Presidente del Consiglio comunale Amedeo Tosi commenta positivamente questi risultati. “Lo sviluppo armonico del territorio ha bisogno degli investimenti privati, ma è primaria responsabilità del Comune la definizione delle condizioni che permettono ad un’azienda di scegliere Fidenza. Condizioni fiscali, infrastrutturali. Aspetti progettuali, urbanistici ed amministrativi che vedono il Consiglio comunale come luogo privilegiato di sintesi e di scelta, grazie all’impegno dei consiglieri. Credo che la direzione intrapresa sia quella giusta, i numeri sono lì a dimostrarlo. E lo dico guardando con grande interesse alle performance del nostro agroalimentare e del comparto manifatturiero, settori su cui alla tradizione si è sommata una forte propensione all’innovazione, premiata dai mercati esteri. Dobbiamo anche continuare a sviluppare una progettualità complessiva anche per il centro storico, che tenga conto anche degli aspetti non solo strettamente economici, quindi principalmente legati all’inclusione sociale”.

 
www.fidenza.mobi