1861-2011: 150 anni d'Italia
1861-2011: 150 anni d'Italia
  • Teatro Magnani e Municipio
  • Municipio (interno) e Ponte Romano
  • Bassorilievo del Duomo e Cortile ex convento Orsoline

TORNA LO "SBARAZZO E LO SBARAZZINO".SABATO TUTTI IN CENTRO PER IL MERCATINO PIU' COLORATO DELL'ANNO

images-2012-sbarazzo-300x210.jpg

Presentata la sesta edizione dell’evento ideato da Confesercenti.
Grandi e piccini protagonisti coi loro banchi dell’usato. Dalle 10 alle 20 oltre 200 espositori

Fidenza, 6 settembre 2017 – L’arte e la magia del commercio per un giorno a disposizione di tutti, grandi e piccini, con lo “Sbarazzo e lo Sbarazzino”. Torna sabato 9 settembre  dalle ore 10 alle ore 20 il mercatino dell’usato più simpatico, colorato e partecipato dell’anno, nato sei anni fa da un’idea di Confesercenti e segnatamente di Enrica Eleuteri, che dell’associazione di categoria è stata la colonna fidentina fino al suo pensionamento pochi mesi fa.

Un mercatino che come sempre coi proventi delle iscrizioni sosterrà l’attività della sezione locale della Croce Rossa Italiana, che è entrato nel cuore della comunità borghigiana e che anche per questa sesta edizione registra numeri da record, con oltre 200 espositori che saranno presenti in tutto il centro storico: piazza Garibaldi, piazza Grandi, via Berenini, via Cavour, via Gramsci, via Bacchini. Allo Sbarazzo che vedrà tanti fidentini esporre la loro merce, si affiancherà come di consueto lo Sbarazzino, riservato ai più piccoli, che potranno mettere in vendita (sempre accompagnati da un adulto!) giochi, figurine, fumetti e chi più ne ha più ne metta. Mettere in vendita o divertirsi un mondo con il baratto insieme ai loro coetanei. L’evento è stato presentato nel corso di una conferenza stampa in Municipio, cui hanno preso parte Claudio Antolini (Presidente Confesercenti Fidenza), Ernesto Monteverdi (segretario zonale Confesercenti), Nicole Marai (rappresentante della Croce Rossa Italiana sez. Fidenza) e l’assessore al Centro storico/Attività produttive Fabio Bonatti.
Lo Sbarazzo era nato 6 anni fa come una scommessa, ideata da Confesercenti per rendere protagonisti i più piccoli e farli divertire trasformandoli in esercenti per un giornocommenta l’assessore Bonatti –. Una scommessa vinta e che è divenuta un must per tante famiglie fidentine, peraltro veicolando due valori fondamentali: quello della solidarietà, dato che l’evento sostiene la Croce Rossa e la sua importantissima attività sul territorio; e il valore del riuso e della rigenerazione di prodotti che in altre case e in altre famiglie possono di nuovo trovare una funzione, una utilità. A nome di tutta l’Amministrazione ritengo che sia doveroso un ringraziamento a Confesercenti per il suo impegno e segnatamente a Claudio Antolini ed Ernesto Monteverdi che con grande passione hanno raccolto il testimone di Enrica Eleuteri, proseguendo questa bellissima esperienza. Davvero grazie!”.

Ricorda le peculiarità dell’evento Claudio Antolini, confermando l’obiettivo “non solo di continuare questa esperienza, ma anche di portarla in centro almeno due volte l’anno, perché sono tantissime le richieste, perché è straordinaria la partecipazione di tutta la nostra Comunità e soprattutto perché in questo modo diamo un aiuto concreto alla Croce Rossa, sempre in prima linea per Fidenza”.

Nicole Marai per la Croce Rossa ha ringraziato “il Presidente Antolini e tutta la Confesercenti per  il loro appoggio, che ci permette di investire ulteriormente a favore dei servizi che la Cri eroga ogni giorno”.
Ernesto Monteverdi ha richiamato a nome di Confesercenti il lavoro di Enrica Eleuteri, “perché dalla sua passione e dal suo stimolo è nato lo Sbarazzo e lo Sbarazzino. Un evento ormai divenuto un classico, che ha conquistato tutti, costruendo una positiva collaborazione tra la Comunità degli esercenti e quella dei cittadini”.

INFORMAZIONI LOGISTICHE

Per tutti gli espositori sono a disposizione menù a prezzi convenzionati in tre locali del centro: Bar Nuovo, Osteria la Fòla dell’Oca, Taverna del Pellegrino.

Confesercenti ricorda agli espositori che è vietata la vendita di armi, oggetti esplodenti, simboli politici del passato e del presente e altre tipologie che possono essere consultate sul sito dell’associazione.

Gli esercenti del centro storico che avessero la necessità di tenere libera l’area davanti alla loro vetrina possono comunicarlo entro venerdì 8 scrivendo a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o chiamando il 3487119175

 

 
www.fidenza.mobi