1861-2011: 150 anni d'Italia
1861-2011: 150 anni d'Italia
  • Teatro Magnani e Municipio
  • Municipio (interno) e Ponte Romano
  • Bassorilievo del Duomo e Cortile ex convento Orsoline

IL SECOLO D'ORO DI CASTIONE MARCHESI E DELLA SUA ABBAZIA, LE ANTICHE CARTE RACCONTATE IN UNO STUPENDO EVENTO

images-2012-evento_castione_8_settembre-

Fidenza, 7 settembre 2017 – Quando la ricerca storica diventa un fatto che costruisce il senso di Comunità è sempre una bellissima notizia. Passato e presente si incontrano, costruendo partecipazione e consapevolezza. E’ esattamente questo lo spirito dell’evento “Antiche Carte su Castione Marchesi”, in programma venerdì 8 settembre alle ore 20.45 nella piazza giardino “Don Giussani”, nel cuore della frazione fidentina.

Un evento promosso dall’Associazione “Le Vie del Sale”, in collaborazione con l’Associazione “Pro Castione Marchesi” e l’Archivio di Stato di Parma e Pavia, col patrocinio del Comune di Fidenza.

IL PROGRAMMA

La serata, coordinata da Graziano Tonelli (Direttore dell’Archivio di Stato di Parma e Pavia), ruoterà attorno agli interventi di due studiosi che nel loro percorso di ricerca hanno indagato tanto su Castione. Il dottor Enrico Angiolini (Open Group patrimoni culturali di Bologna) tratterà il tema “Le Carte e la Storia dell’Abbazia olivetana di Santa Maria Assunta di Castione Marchesi. Il professor Ezio Barbieri (Università di Pavia) svilupperà una riflessione su “Castione Marchesi nel XV° secolo”. A seguire ci sarà la visita guidata al complesso monasteriale di SS Maria Assunta e altre testimonianze storiche condotte da Germano Meletti.

 

GLI INTERVENTI

Nel corso della conferenza stampa di presentazione, il professor Benvenuto Uni, presidente de “Le Vie del sale”, ha illustrato l’intuizione alla base dell’evento: “L’Associazione è nata per valorizzare la storia e i personaggi del nostro territorio e ci è parso naturale proporre questa iniziativa volta a conoscere meglio un periodo della storia di Castione Marchesi, segnatamente il secolo d’oro che nel corso del ‘400 vide Castione divenire il centro strategico per le arti, la fede e le relazioni commerciali”. Uni ricorda che “esattamente 11 anni fa organizzammo  un importante convegno su “Gli Obertenghi e l'Abbazia di Castione" ed oggi riprendiamo quel cammino, con la stessa passione e la stessa voglia di raccontare quanta parte del nostro presente affondi le radici nella storia di quel centro”.

Graziano Tonelli, Direttore dell’Archivio di Stato di Parma e Pavia, muove da una data simbolica: “E’ l’anno 1033 quando viene fondata l’Abbazia di Castione, data che precede le fondazioni di altre abbazie del territorio come Fontevivo e Chiaravalle”. Un elemento che da solo racconta l’importanza di Castione e a cui si aggiunge “una vita monastica molto rilevante, segnata dal passaggio dall’ordine dei benedettini a quello degli Olivetani, con un conseguente rilancio di questo importante punto di passaggio verso il Po”.

Abbiamo colto con favore l'occasione fornitaci dalla disponibilità dei due studiosi, il dottor. Angiolini e  professor Barbieri, di renderci edotti di ulteriori approfondimenti sulla storia dell'Abbazia e più in generale del nostro territorio. E’ motivo di orgoglio l'interesse che sta suscitando la storia dei nostri monumenti e dei luoghi  nei quali quotidianamente viviamo. Con questa iniziativa riteniamo di dare il nostro contributo alla valorizzazione di un  patrimonio storico che devono sentire come proprio non solo i castionesi ma anche la comunità fidentina e dei comuni comuni circostanti”, ha invece evidenziato Claudio Iannelli, in rappresentanza dell’Associazione Pro Castione, unitamente al Presidente Flaviano Fassa.

“Da una parte la comunità di Castione è sempre più coesa e capace di proporre esperienze di comunità, dall’altra non abbandona la ricerca del rango che questo centro ha avuto nel passato – commenta il Sindaco di Fidenza, Andrea Massari . L’evento dell’8 settembre è un evento di comunità e ricerca della propria identità, che passa dalle carte antiche e parla a tutti noi di vita vissuta. L’Amministrazione comunale è stata lieta di patrocinare il convegno proprio perché supportato dal basso, sostenuto dalla curiosità dei cittadini che alimentano la voglia di questa continua riscoperta

 

 
www.fidenza.mobi