1861-2011: 150 anni d'Italia
1861-2011: 150 anni d'Italia
  • Teatro Magnani e Municipio
  • Municipio (interno) e Ponte Romano
  • Bassorilievo del Duomo e Cortile ex convento Orsoline

Urban Center Fidenza Città d'Europa

Con deliberazione n. 112 del 19 giugno 2008 è stato approvato il documento “Nuovi strumenti urbanistici comunali prima fase: attività di costruzione del quadro conoscitivo ai sensi della L.r. 20/2000” con medesimo atto si è costituito l’Urban Center (Ufficio di piano) denominato “Fidenza città d’Europa”. La responsabilità di tale ufficio, in coerenza con gli strumenti di programmazione e gestione dell’annualità 2008 e 2009 è stata attribuita al settore UTC Assetto del Territorio, che concentra in sé le attività di pianificazione e gestione dei processi urbanistico edilizi, della riqualificazione urbana, ambientali e quelli attinenti alla mobilità sostenibile. Nel processo complesso di redazione del quadro conoscitivo, come primo step alla formazione dei nuovi strumenti urbanistici comunali, tuttavia non è coinvolto il solo personale addetto a questi servizi ma tutto il personale della struttura comunale, ciascuno per le specifiche competenze parteciperà in un rapporto di reciproco scambio per ricostruire in modo completo lo stato del territorio, nell’aspetto descrittivo e valutativo, con particolare attenzione alle dotazioni necessarie al funzionamento della città e alla qualità dell’abitare della comunità.
Uno dei focus dell’Urban Center anche attraverso questo servizio on-line verterà sull’elaborazione di mappe, studi grafici e quantitativi per consentire di presentare in prospettiva spaziale e temporale progetti e piani in corso.
La città ha visto in questi anni la capacità di rinnovarsi e trasformarsi in modo significativo a partire dalla propria realtà fisica, la trasformazione urbana ha riguardato tutti i sistemi soggetti a verifica e valutazione:

  • Il sistema delle infrastrutture per la mobilità (il completamento, da lungo atteso, della tangenziale nord, la 1° fase attuativa della tangenziale sud in fase di costruzione con il suo completamento in fase di progettazione, il sistema ferroviario metropolitano con la stazione presso il nuovo Polo Ospedaliero di Vaio in corso di realizzazione, la progettazione preliminare della via Emilia bis, il riassetto viario dell’area del casello autostradale e della connessione casello/tangenziale nord, le opere e gli interventi connessi alla nuova linea ferroviaria ad alta capacità, le profonde modifiche al sistema dei nodi e degli assetti viari all’interno del centro urbano, la progressiva attuazione della pedonalizzazione dell’area centrale della città);
  • Il sistema insediativo con una buona attuazione delle previsioni di piano sia riferite ai comparti di espansione che all’avvio e definizione di interventi di riqualificazione all’interno del centro abitato. In questo caso di particolare interesse è anche la quantità e qualità degli interventi di edilizia convenzionata e agevolata e le politiche di manutenzione, recupero, implementazione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica;
  • Il sistema degli ambiti soggetti a processi di riqualificazione urbana con interventi complessi caratterizzati da pluralità di operatori e di destinazioni d’uso che hanno interessato più aree strategiche definite dal piano (il nodo stazione, l’area dei Gigliati, le aree delle bonifiche in via Marconi, l’area centrale della città…);
  • Il sistema degli insediamenti e dei paesaggi della cultura (il recupero del tracciato della via Francigena, l’intervento relativo al complesso monumentale dei Gesuiti, la creazione di OF Orsoline Fidenza, il recupero dei tracciati e dei percorsi nell’area centrale della città).
  • Il sistema degli insediamenti produttivi di valenza sovracomunale e locale con l’ampliamento di quel mix funzionale di attività e destinazioni che può costituire uno dei tratti distintivi da analizzare e valutare sin dalle prime fasi del processo di piano (la realizzazione dei grandi insediamenti terziari e produttivi del casello autostradale in fase di graduale e progressiva realizzazione, l’avvio del recupero produttivo industriale di via Marconi);
  • Il sistema degli insediamenti commerciali e terziari all’interno del più ampio sistema degli insediamenti produttivi ha visto l’attuazione di quel potenziamento già disegnato in parte dal piano del 1983 ed attuato completamente nell’orizzonte temporale dell’ultimo PRG.
  • Il sistema dei servizi pubblici e privati che ha visto una forte polarizzazione su Fidenza quale punto di riferimento di un territorio vasto con conseguenze da leggere in modo integrato sull’insieme dei sistemi oggetto di valutazione. In questo contesto si inserisce anche il potenziamento/rafforzamento dei servizi alla persona di competenza comunale e la valutazione della loro collocazione sul territorio.
  • Il sistema agricolo e delle tutele attive; per la prima volta si sono gestiti processi ampi di tutela di parti significative del territorio comunale (in primis il sistema collinare) e si è assistito alla crescita di economie turistiche legate alla valorizzazione del territorio agricolo.

Proprio in questo momento di trasformazione così ampio e complesso la redazione dei nuovi strumenti urbanistici comunali (Piano Strutturale Comunale, Piano Operativo Comunale e Regolamento Urbanistico Edilizio) rappresenta l’opportunità per avviare un confronto e capire “dove siamo” e “dove vogliamo arrivare”. Il Piano Strutturale Comunale come espresso dall’amministrazione è inteso, vuole essere sviluppato e redatto nella sua natura di strumento strategico di governo. Il quadro conoscitivo deve quindi avere la capacità di cogliere nella definizione dei processi in corso e nell’analisi dei fenomeni un sistema di indicatori utili al disegno della città futura, dove il disegno non è solo fisico ma prima di tutto esprime la costruzione di un’idea di città di cui gli aspetti di classificazione, di costruzione normativa e di attuazione sono risvolti importanti ma non il cuore del processo di pianificazione urbanistica.

La tua opinione è importante!
Scrivici per segnalazioni e suggerimenti sulle attività del settore all’indirizzo:

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

In Dettaglio
SISTEMAZIONE DEFINITIVA ROTATORIA VIA BORGHESI-VIA BARACCA
RIQUALIFICAZIONE VIA MALPELI DA VIA GRAMSCI A PIAZZA GARIBALDI
STAZIONE METROPOLITANA DI VAIO
ACQUACOMUNE
REALIZZAZIONE DI UN DVD SULLE BONIFICHE AMBIENTALI
PROGETTI VIABILITA'
AREA ARCHEOLOGICA PIAZZA GRANDI
AREA ARCHEOLOGICA: FASE EDILE E FARNESIANA
AREA ARCHEOLOGICA: FASE MEDIEVALE
AREA ARCHEOLOGICA: FASE ROMANA
INTERVENTI CENTRO STORICO
AMBIENTE
NUOVA STAZIONE ECOLOGICA ATREZZATA
SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE
POLO CATASTALE DI FIDENZA
PROGETTI U. T. V.
ATTIVITA' URBAN CENTER
AREE VERDI
PIANI PARTICOLAREGGIATI
RIQUALIFICAZIONE URBANA
RECUPERO E RESTAURO EDIFICI STORICI
URBAN CENTER "FIDENZA CITTA' D'EUROPA"
CONSOLIDAMENTO E RESTAURO MATRONEO SUD DEL DUOMO DI FIDENZA
AREA ARCHEOLOGICA 2005
AREA ARCHEOLOGICA 2008
INTERVENTI AREA ARCHEOLOGICA
PARCOBALENO
PARCO DE GASPERI
ROTATORIA VIALE MARTIRI
ROTATORIA VIA XXIV MAGGIO VIA CAIROLI
RESTAURO PALAZZO MUNICIPALE
CENTRO DI CULTURA EUROPEA SIGERICO
MANUTENZIONE AREE VERDI DI PREGIO
RIQUALIFICAZIONE VIA GRAMSCI E PARCO MATTEOTTI
INTERRAMENTO DELLA VIABILITA' IN PIAZZA REPUBBLICA
VIABILITA' SUD, PRIMA FASE 2° STRALCIO
PIAZZA GIARDINO A CASTIONE MARCHESI
OF RECUPERO CORTILE PALAZZO ORSOLINE
RIQUALIFCAZIONE PIAZZA GARIBALDI STRALCIO CONCLUSIVO
ROTATORIA VIA I° MAGGIO VIA GRAMSCI
SISTEMAZIONE VICOLI DEL CENTRO STORICO. 2^ FASE
ARCHIVIO PIANI E PROGETTI
RIQUALIFICAZIONE DI VIA BERENINI
SISTEMAZIONE VICOLI DEL CENTRO STORICO. 1^ FASE
SISTEMAZIONE PIAZZA GRANDI. 3° STRALCIO FUNZIONALE
RISEZIONAMENTO DI VIA CABRIOLO
VIABILITA' DI ACCESSO AL NUOVO OSPEDALE DI VAIO
PIANO DI RECUPERO URBANO EX FORNO COMUNALE
PIANO PARTICOLAREGGIATO "PPLOG" PODERE LOGHETTO
 
www.fidenza.mobi